Il Comune Tollo utilizza i cookies per rendere migliore la tua esperienza di utilizzo del sito. || Maggiori Informazioni || chiudi ||
PDF

#Tollorinasce #rinasceilcommercio

Scritto da Angelo Radica

Pubblicato il


Lunedì sera 6 Marzo dalle 20,30 all'EnoMuseo incontreremo i commercianti di Tollo per definire insieme azioni per il rilancio del commercio nel centro del nostro paese. 
Insieme ai negozianti di Tollo stiamo elaborando un progetto per il rilancio del commercio nel nostro centro urbano.
A breve convocheremo tutti i commercianti e le associazioni di categoria nel settore e le associazioni culturali tollesi per definire le azioni da realizzare.
Per rilanciare il commercio nel centro storico è indispensabile che le imprese facciano rete tra di loro e con il comune e le associazioni culturali e sportive.

RIDUZIONE DI TASSE IMU E TASSA RIFIUTI, telecamere, segnaletica e arredo urbano, Porta la sporta, Vuoto a rendere e Spesa a domicilio: chiederemo un aiuto alla Regione e alle Associazioni di categoria.

Telecamere per la videosorveglianza, iniziative a tema, segnaletica turistica e commerciale, raccolta più recisa dei rifiuti con i progetti "Porta la sporta" e Vuoto a rendere" e la "Spesa a domicilio" MA SOPRATTUTTO RIDUZIONE DI TASSE IMU E TASSA RIFIUTI .
E ancora una martellante comunicazione via web e sui social network e nuovo arredo urbano: sono solo alcuni degli interventi di riqualificazione in chiave commerciale e turistica del centro cittadino. Tanti ma piccoli interventi funzionali, intelligenti e mirati per il rilancio del nostro centro storico. 
Le imprese dovranno fare rete e, sfruttando una forte sinergia, mettono insieme gli sforzi per la città. Ben 45 attività commerciali del centro cittadino, stanno elaborando un ambizioso progetto. 
Definito il piano, la Giunta lo approverà e lo presenterà alla Regione Abruzzpo e alla Confesercenti Chieti.

Ma cosa prevederà il programma di riqualificazione del commercio? Innanzitutto si parla di un piano da realizzare in un anno per una spesa di 100 mila euro. Non cifre insostenibili, insomma. E da concretizzarsi in tempi a breve termine. Le aziende coinvolte sono 45, la metà delle quali attive nel settore dell’abbigliamento/calzature e della ristorazione. L’area della “rete” di imprese è racchiusa nell'intero centro urbano.
Il potenziale è notevole: qui si concentra la maggior parte delle attività commerciali. Certo, non mancano i punti di debolezza che sono stati rilevati in premessa dai redattori del progetto: mancanza di un’azione coordinata di sviluppo e programmazione commerciale, segnaletica e arredo urbano da rivedere; infine uno sviluppo “anarchico” che invece dovrebbero essere integrate.

C’è parecchio da lavorare, ma i traguardi non sono irraggiungibili. Le parole d’ordine sono sinergia, collaborazione, programmazione, rinnovamento. Come fare? Si parta dunque dallo sviluppo di un sistema di governance efficace tra soggetti pubblici e promotori della rete. Le attività comuni vanno integrate, quelle che operano in ambito diverso vanno invece fatte dialogare. Per fare ciò, occorre coordinare le iniziative, aumentare il livello della qualità urbana e della sicurezza, puntando su vivibilità degli spazi pubblici e degli assi commerciali. Ma per questo occorre istituire una cabina di regìa, il Cat (Centro di assistenza tecnica) in grado di svolgere un ruolo di coordinamento e condivisione degli interventi previsti da programma. E allora ecco gli interventi previsti. Si va dall’installazione di telecamere per la videosorveglianza lungo strade e piazze (già messi in funzione) all’organizzazione di feste del piccolo commercio, eventi tematici in determinati periodi dell’anno, ad esempio il Natale e San Pasquale. Cruciale sarà la cura dell’immagine per promuovere Tollo e il suo tessuto economico-commerciale. Per questo si pensa alla creazione di un brand, un marchio di identità, da esportare per fini commerciale anche fuori Tollo. Ma anche una nuova segnaletica ad hoc per il commercio (10 mila euro) e un più moderno arredo urbano (15 mila euro). Tra le altre idee, ai cittadini che entrano nella “rete” di imprese si può anche assegnare una fidelity card attraverso cui accedere a promozioni e agevolazioni.
Poi una serie di iniziative a costo zero come il "Vuoto a rendere" che permette ai commercianti di aiutare il Comune a raccogliere i rifiuti in maniera più precisa e creando un circuito virtuoso per spingere i cittadini a fare la spesa a Tollo e "Spesa a domicilio" che prevede l'attivazione di un servizio a domicilio per quelle persone che non possono andare a fare la spesa.
IL PROSSIMO BILANCIO 2017 DEL COMUNE DI TOLLO PREVEDERA' SCONTI SU IMU E TARI 2017 AI COMMERCIANTI CHE ADERIRANNO AL PROGETTO E A QUELLI CHE SI INSEDIERANNO NEL CENTRO URBANO. 
Per la realizzazione del progetto nel suo complesso chiederemo un contributo alla Regione Abruzzo, utilizzeremo alcuni fondi comunali e dell'Ente d'Ambito (Spesa a domicilio) e al Consorzio Fidi di Confesercenti Chierti Coopcredito e delle 2 banche che hanno una sede a Tollo.

 

comments powered by Disqus